Visita capri e le sue meraviglie

By | May 30, 2016
Una delle isole del Mediterraneo più belle e romantiche è Capri: un isola affascinante che ha da sempre ammaliato artisti e letterati sin dall’antica Roma, quando l’imperatore Tiberio vi passò gli ultimi giorni di vita.

A un ora di aliscafo da Napoli, si sbarca sull’isola, a Marina Grande, con le sue vivaci case di pescatori e dalla quale prende il nome il lido di “Marina Grande”. Qui è possibile imbarcarsi alla volta di “palazzo a mare”: un sito archeologico dove sono stati rinvenuti resti di una splendida residenza imperiale, probabilmente dei tempi di Augusto.

Il simbolo dell’isola è rappresentato sicuramente dai Faraglioni di Capri “stella”, “saetta” e “scopolo”: picchi rocciosi che emergono imponenti dal mare blu e che fanno da sfondo a tutti i momenti più suggestivi di un soggiorno sull’isola. Sul Faraglione “scopolo” si trova la “lucertola azzurra”: il cui colore si dice sia dovuto ai colori del cielo e del mare che la circondano.

The Fariglioni Rocks of the Island of Capri in Southern Italy

Un altro dei luoghi caratteristici dell’isola è Piazza Umberto I o “la piazzetta”: un esclusivo “salotto”, ricco di bar e locali dove è doveroso sorseggiare un fresco drink, godendosi il panorama e la Torre dell’Orologio, che sovrasta la piazzetta.
Immancabile, per gli amanti dello shopping, una visita alla bottega “Canfora” con i tipici sandali capresi.

Il parco dell’isola è rappresentato dai “Giardini di Augusto”: delle splendide terrazze fiorite che offrono una suggestiva visione dall’alto della baia di Marina Piccola e dei Faraglioni.

Alla fine di Via Caramelle, dopo una ripida salita, si trova la Via Tragara, tra macchia mediterranea e ville famose, come quelle di Rilke e Pablo Neruda.
Dal “belvedere di tragara” si arriva alla “passeggiata del Pizzolungo”, uno dei punti più suggestivi, da cui si ha una visione mozzafiato dell’isola e dalla quale si arriva all’Arco Naturale, enorme struttura rocciosa nata da processi erosivi.

Molto caratteristica, la stradina di stretti tornanti fatta costruire, per raggiungere facilmente la sua villa, dall’industriale tedesco Krupp, frequentatore dell’isola : una spettacolare strada che porta da Marina Piccola ai Giardini di Augusto, nei pressi dei quali si trova la Certosa di San Giacomo, risalente al 1371, un tempo convento e oggi sede del “Museo Diefenbach”.

Immancabile visitare la meravigliosa Grotta Azzurra, utilizzata ai tempi dei romani come ninfeo marino. L’ingresso è largo solo un paio di metri ed è perciò visitabile solo tramite barca a remi. Ideale visitarla in tarda mattinata: lascia stupefatti la colorazione delle acque data dalla finestra sottomarina che si trova proprio sotto l’ingresso.